Mag 2, 2019 - attualità, società    No Comments

Baby gang,manduria e la morte di Antonio Cosimo Stano tra l’indifferenza

vignette2018 (32)Ero un po senza scrivere ma il caso di Manduria mi ha fatto ribollire il sangue nelle vene. I primi giorni aprile un povero anziano , apparentemente con problemi psichici, ma che non mi risulti abbia mai fatto male a nessuno (ma anche se lo avesse fatto comunque non merita la morte), viene picchiato come gli succedeva da sempre e mandato all’ospedale da una baby gang , ma questa volta le ferite riportate gli sono state fatali ed è deceduto dopo 18 giorni di agonia, nella solitudine dell’ospedale e della sua vita che lo aveva segregato in una casa senza pareti o amici, dove si era rinchiuso per paura dei vigliacchi che fanno i bulli con i deboli. Adesso voglio analizzare perchè ancora preso dalla voglia di fare giustizia a un pover uomo lasciato solo dalla vita e anche dai vicini, vicini che hanno chiamato i carabinieri non perchè mossi da pietà ma perchè l’uomo si lamentava troppo dopo l’aggressione di 8/14  adolescenti (non si sa effettivamente quanti erano nell’aggressione di quella sera)  in casa e li disturbava da diversi giorni ( e non perchè come detto non lo vedevano in giro, visto che era normale che si chiudesse in casa), per una lesione gastrica (e grazie al cazzo cari vicini che si lamentava, voi rompete il cazzo se cola dell’acqua delle piante sul pianerottolo). L’uomo si era ritirato in casa perchè da anni subiva percosse e vessazioni di ogni tipo e qui sorge la mia prima domanda …. ma se subiva da anni molestie e il più piccolo delle bestie aveva solo 19 anni , a meno che a manduria non si cominci la maltrattazione degli indifesi appena nati non mi trovo con i conti, ma vuoi vedere che i maltrattamenti era lo sport di alcuni manduriani? Altra domanda che mi sorge: I genitori delle bestie (mi scusino le bestie) hanno detto che hanno fallito come genitori , ma qui non è fallire come genitori , bella frase forse da portare a barbara d’urso ma io non mi impietosisco, mia mamma non mi seguiva , non conosceva i miei amici, non sapeva dove andavo, sapeva dei miei risultati a scuola se gli dicevo dei consigli scuola famiglia,anche mia mamma era a lavoro e non c’era a a casa, ma ho sempre rispettato gli altri e il prossimo, e non cari genitori questa storia non regge, parlate di internet dei social e della tv, all’epoca nostra non vi erano bollini verdi rossi o gialli , vedevamo i film di Hitchcock ma non abbiamo mai torto un capello a nessuno, abbiamo vissuto gli albori di internet e delle console, non avevamo ne il campetto dei preti ne il centro ricreativo, ma davanti ad un amico che ti citofonava per la partita di pallone poteva starci pure belen a farti la spaccata di eder parisi alla tv noi eravamo già giù a sbucciarci le ginocchia sull’asfalto in mezzo alle auto, inventavamo giochi , tracciavamo con il gessetto le linee sull’asfalto di un campo da tennis, due amici  mantenere il filo della rete (che non c’era) e ci sentivamo a Wimbledon , nelle giornate di pioggiam (tendente alla bufera) ci mettevano in uno scantinato su un tavolo a giocare  risiko, e oltre a lanciarci i carramatini, perché il tuo avversario con tre soli ti aveva sterminato tutta l’armata , non facevamo altri atti di violenza e non ce lo sognavamo neanche . No cari genitori la storiella non regge, non regge neanche la storiella della mamma che prima dice che ha fallito come genitore e poi dice “mio figlio era solo nella chat in cui venivano postati i video” …. alla faccia del cazzo ….. e lo vuoi pure giustificare che non ha detto nulla a nessuno? Ma poi ste violenze non si facevano da qualche giorno ma da anni quindi non è solo tuo figlio che non ha parlato ma magari anche qualche UOMO che era un bambino qualche anno fa. Poi i rimproveri vanno anche alle forze dell’ordine, quest’uomo denunciava da anni i soprusi che subiva, ma ovviamente voi avrete pensato “ma questo è un a pazzo , ma che stiamo a sentire un pazzo?” Diciamo che in un paese di 37000 abitanti si sa quasi tutto di tutti e del pazzo del paese lo sanno praticamente tutti, diciamola la verità,in quanto considerato pazzo , un controllo a quello che dice non lo avete voluto fare , perché vi ruba tempo lo so (per un paese di 37000 abitanti?) a meno che non sono 37000 delinquenti, ma che cazzo costa fare un controllino, anche in borghese giusto per vedere cosa succede
Comunque già so l’epilogo , ahimè, di questa storia, anche se promettono pene esemplari, loro si pentiranno con qualche letterina a pomeriggio 5, la storia sparirà dalle scene, si aspetterà che dimenticheremo anche questa , le tv non la considereranno più una storia da audience e la lasceranno stare , interverranno i servizi sociali e i ragazzi verranno messi a fare i servizi socialmente utili in qualche casa per anziani , un paio di ore al giorno dopo scuola, dopo qualche anno saranno considerati reintegrati, tutto andrà nel dimenticatoio e loro avranno solo una storia da raccontare al prossimo e del loro pentimento che fa più figo , una tacca sulle loro bravate adolescenziali da esporre come una ferita della guerra, intanto un uomo sta sotto 1 metro di terra da solo, senza nessuno che gli porti un fiore o gli accenda una candela , un uomo che era già condannato alla solitudine per la sua situazione ma che a voi non è bastato, volevate la sua umiliazione,  i suoi soldi, la sua morte.

addio
Antonio Cosimo Stano

riposa in pace , quella pace che le bestie, che ormai siamo diventati, non ti hanno concesso

 

Ott 26, 2018 - meteo    4 Comments

previsioni meteo e medie del periodo

rimpatri assistiti
E’ da quando sono piccolo ( e non è ieri) che sento dire dal meteo queste parole
“temperature sopra le medie del periodo”
ma ho sentito poche volte o per niente
“temperatura in linea con le medie del periodo”
E dopo anni di medie superiori al periodo(a meno che non faccia media anche L’ERA GLACIALE) ,comincio a pensare che le cose sono due :

“O state sbagliando le medie o state a sbaglià PERIODO”

Pagine:12»